Come usare WhatsApp per la propria azienda Turistica

/ / Marketing, Tech, Turismo

Come usare WhatsApp per la propria azienda Turistica (Hotel, Residence o Ristorante)

WhatsApp è senza dubbio una tra le applicazioni più diffuse in ambito di messaggistica istantanea, riuscita nell’intento di soppiantare gli ormai obsoleti sms grazie ad una migliore ottimizzazione delle conversazioni con i propri contatti ed anche ad un costo limitato ai soli 0,89 euro da sostenere per l’abbonamento annuale (almeno secondo quanto avviene per la maggior parte degli operatori telefonici).
Negli ultimi mesi, l’app è andata incontro ad un upgrade che le permette ora di essere tranquillamente utilizzata anche tramite pc, collegandosi direttamente all’apposito indirizzo web e previa configurazione iniziale del servizio per mezzo di QR code. Ma WhatsApp è molto altro ancora, non fermandosi semplicemente a quanto finora descritto. Essa può essere infatti sfruttata sia come semplice strumento per la messaggistica istantanea di tipo testuale che di tipo vocale: tramite pressione prolungata del tasto dedicato, in genere posizionato accanto al form per la scrittura, è possibile registrare dei messaggi audio, più o meno lunghi, che vengono immediatamente inoltrati al ricevente una volta terminata la pressione, vale a dire in seguito all’interruzione di quanto registrato. Questo utilizzo si colloca dunque a metà strada tra la classica telefonata ed il tipico sms, in quanto permette a chiunque lo sfrutti di risparmiare ulteriormente sul tempo che altrimenti sarebbe stato impiegato durante la digitazione di un testo, in special modo quando le informazioni da dover inviare alla controparte sono abbastanza consistenti.
L’enorme diffusione di WhatsApp e la sua estrema semplicità d’uso potrebbero senza alcun dubbio rappresentare un motivo per integrare una possibilità di questo tempo anche in un particolare ambito lavorativo, al fine di mantenere una costante ed al tempo stesso efficiente comunicazione con la propria clientela. In particolar modo, per quel che riguarda l’ambito turistico, l’app potrebbe essere sfruttata soprattutto in contesti ampiamente giovanili, rappresentando un metodo di comunicazione rapido ed al tempo stesso economico per fornire utili informazioni di servizio agli utenti, ad esempio per quanto concerne la disponibilità o meno di una stanza o la possibilità di usufruire di un determinato servizio a richiesta. Per incentivare ulteriormente i consumatori a poggiare su WhatsApp per ogni tipo di informazione o chiarimento, si potrebbe addirittura decidere di predisporre un’integrazione del servizio direttamente sul proprio sito, magari rendendo visibile un messaggio contenente un invito diretto ad una simile scelta oppure creando il link contestuale tramite cui, soprattutto durante una navigazione in mobile, avviare direttamente una chat verso il numero telefonico prescelto dai vari Hotel, Residence o ristoranti. Allo stesso tempo, l’utilità dell’app non sarebbe limitata solo alla fase informativa che precede una potenziale prenotazione, in quanto l’ospite della struttura potrebbe anche farne uso durante i giorni di permanenza nella stessa, ad esempio per quanto riguarda la richiesta di eventuali servizi come la colazione in camera. In aggiunta a tutto ciò che avviene di regola internamente, i propri clienti potrebbero utilizzare la chat anche allo scopo di rivolgere ai gestori domande circa la possibilità di organizzare gite fuori porta o comunque prettamente inerenti alle zone di competenza: una volta che questa comunicazione vien ricevuta sull’app, spetterà poi alla direzione prendere in esame quanto scritto e valutare, compatibilmente con gli altri impegni già in precedenza fissati, il livello di fattibilità della richiesta, provvedendo oltretutto a comunicare, sempre tramite il medesimo mezzo, orari e modalità di svolgimento.
Occorre tuttavia precisare che, data l’estrema facilità di utilizzo del sopracitato software e tenendo oltretutto conto dei tempi a dir poco ridotti in cui si riesca a configurarlo a dovere, l’efficienza di quest’ultimo potrebbe tranquillamente essere estesa non soltanto al contesto direzione – cliente, ma anche a tutte quelle precise fasi che, soprattutto nel caso della ristorazione, vadano a coinvolgere personale esterno come i fornitori o i PR nel caso in cui si stessero organizzando eventi di una certa importanza, riuscendo in tal modo a predisporre in maniera comunque adeguata e celere tutto ciò che riguarda il back office e di conseguenza anche il front office. Analizzando attentamente i dati statistici di mercato, raccolti tenendo conto di tutte quelle attività che, grazie all’estrema attenzione verso il mondo della tecnologia, sono andate incontro a questa evoluzione, abbiamo un’importante conferma circa la bontà di questa idea: infatti, proprio grazie alla notevole praticità di un simile strumento, molte realtà operanti nel mondo del turismo e della ristorazione sono andate incontro ad un incremento significativo delle richieste, a volte con percentuali in grado di sfiorare addirittura il 70% in più rispetto a quanto ci fosse in origine. Anche dal punto di vista della clientela, tutto questo viene visto di buon occhio, anche in base al fattore psicologico (certamente non secondario): il fatto che la comunicazione avvenga utilizzando un’applicazione generalmente alla base delle chat con i propri amici contribuisce a trasmettere un’immagine dei vari hotel, residence e ristoranti molto più familiare di quanto invece di norma avverrebbe, creando un’atmosfera decisamente meno formale più diretta.
Insomma, stare al passo con l’evoluzione aiuta la propria attività a restare al passo nel mondo del lavoro, rappresentando spesso una discriminante di preferenza fondamentale.
Tutti i marchi citati sono di proprietà dei esclusivi proprietari. Immagine by Depositphotos – Foto di Mactrunk
14214 Total Views 1 Views Today
TORNA SU